Calamari alla paprika: ricetta creativa

calamari-paprika-creativa
Non sapendo come dare sfogo alla mia creatività se non in cucina ho pensato di preparare i calamari alla paprika.
Ma sai il motivo che c’è dietro qual’è? Te lo racconto, poi dimmi se non ho ragione.

Negli questi ultimi giorni neozelandesi ero in preda a un folle raptus, cercavo una cosa, non troppo importante fra l’altro, e non riuscivo a trovarla da nessuna parte.
E dire che ho visitato due delle città più importanti della Nuova Zelanda: Christchurch e Wellington.
Ma niente, non riesco a trovare una cosa così banale. Ah, sto cercando gli acquarelli Winsor & Newton, tanto perché tu lo sappia.

Sai le catene di eventi che nascono da una ricerca? Ecco, a me hanno portato a due scoperte sconcertanti.
La prima è che non esiste amazon qui. Non c’è un amazon.co.nz e questo è sconcertante. Specie per me che faccio la maggior parte dei miei acquisti su amazon. Ma come fanno? E come ho fatto io ad andarmene dall’Italia proprio quando era arrivata la consegna in un’ora? Si lo so, sto iniziando a diventare pesante.
La seconda è che le cartolerie scarseggiano. Cioè si, ci sono, ma probabilmente trovi più alla nostra esselunga che qui. E anche questo mi lascia perplessa. Ho trovato un negozio kikki k, è vero, e di questo sarò sempre grata a chi l’ha messo sul mio cammino, ma per trovare un refill della mia penna ci ho messo quasi un mese.

E i colori niente. Le marche normali ed economiche sì, e per Cecilia vanno benissimo, ma volevo approfittare del viaggio per riscoprire il piacere di disegnare e invece niente.
Speriamo che qui in Australia sarò più fortunata, anche se ho notato con stupore che neanche qui hanno un amazon paragonabile al nostro. C’è, ma solo per i libri. Non ha molto senso.

Vabbè, lascio perdere i colori e mi consolo in cucina, con le spezie che più aprono la mente a nuove idee e nuovi stimoli, come se non ne avessi già in abbondanza durante questo viaggio 😉

La paprika viene ricavata da un peperoncino dolce. Si diceva trasportasse energia creativa e metteva in evidenza i pensieri più profondi e risvegliasse le energie.
Una sorta di spezia dei desideri, che ti fa pensare a quello che più ti piacerebbe e te lo riporta alla mente così che tu possa seguire i tuoi sogni e non chiuderli in un cassetto.

L’ho aggiunta ai calamari, per renderli più saporiti. E poi li ho cotti in forno dato che finora non ho mai trovato nelle case delle padelle adatte alla frittura.
Il risultato mi ha sorpresa, i calamari rimangono tenerissimi e la paprika aggiunge il retrogusto leggermente piccante e dolce.
Da rifare, decisamente!
http://ricette.giallozafferano.it/Anelli-di-calamari-al-forno.html
calamari-paprika-architectoftaste

Calamari alla paprika

500 gr di anelli di calamari
20 gr di paprika dolce
150 gr di pangrattato
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale

In una ciotola grande mescola il pangrattato con la paprika e il sale.
Aggiungi gli anelli di calamari e mescola bene.
Trasferisciti su una teglia, aggiungi l’olio e inforna a 180°C per 25 minuti.

calamari-paprika