Pan briosche alla lavanda: ricetta sedativa

pan-briosche-lavanda-architectoftaste
Ho bisogno di calma e tranquillità.
Mi serve il profumo di un lievitato, dolce ovviamente, in combinazione con la lavanda, in dosi anche massicce se possibile. Di entrambi.
Devo fare un bel respiro profondo e cercare di non pensare a quello che succederà quando lasceremo Auckland. Perché?
Perché abbiamo preso una decisione azzardata: affittare un camper per il prossimo mese e girarci la Nuova Zelanda da lì.

Ok, lo ammetto, io non sono nuova alla vita in camper grazie ai quasi tre mesi di vacanza che ci facevamo con i miei genitori. Ma allora:
1) ero piccola (sebbene il lasso del tempo in cui lo ho seguiti sia bello lungo: fino ai 17 anni!)
2) era estate e si viveva più fuori che dentro
3) non dovevo di certo preoccuparmi di organizzazioni, al massimo di portarmi dietro i giusti libri.

Invece adesso, passata l’onda di entusiasmo mi ritrovo a pensare che il camper dentro è davvero piccolo. E noi siamo in quattro. E mio marito deve lavorare. E Cecilia giocare. E Cornelia imparare a camminare (da sola intendo!).
Ok, ecco che torna l’ansia… dov’è la mia fetta di pan briosche? Non c’è realmente, ti lascio con l’ultimo che ho fatto perché qui sto ancora in alto mare con i lievitati. Ho provato tutti i lieviti secchi che ho trovato ma niente, il risultato non mi ha ancora soddisfatta.

Questo pan briosche alla lavanda invece invade ancora i miei sogni.
Il profumo forte della lavanda, che concilia il sonno, dona tranquillità e calma è quello che mi servirebbe adesso.
Forse non sai che una manciata di petali secchi dei fiori della lavanda (o qualche goccia di olio essenziale), aggiunta nell’acqua del bagno, aiuta a rilassare. Qui siamo gli unici sfigati ad avere il giardino senza piante aromatiche. Le chiederò al vicino, che sembra averle solo per bellezza.

Ma tornando al mio pan briosche alla lavanda… questo è stato l’ultimo prima di incartare lo stampo (Dio come mi manca la mia cucina attrezzata) e sarà per questo che ho ancora il suo profumo nelle narici. Ma come avevo aperto il forno si è sprigionato un tale profumo che era davvero inebriante!
La sua morbidezza interna unita alla crosticina, non troppo spessa, lo hanno innalzato al re dei pan briosches mai usciti dal mio forno.
Certo, è un po’ lungo da fare, ma ne vale davvero la pena, te lo assicuro. E saranno due settimane che mi mangio dei simili che non reggono il paragone quindi, per piacere, fallo e mangialo anche per me!

Ps: ma lo sai che qui la farina si vende da 1,5 kg in su? Che (altra) cosa strana ^^
pan-briosche-lavanda-ricetta-sedativa

Pan briosche alla lavanda

Prefermento:
1 gr di lievito di birra
55 gr di acqua
65 gr di farina

Lascia lievitare fino al raddoppio

Impasto:
200 gr di farina 0
150 gr di farina Manitoba
1 uovo
70 gr di acqua
70 gr di zucchero di canna
70 gr di olio di arachide
1 cucchiaio di fiori di lavanda
4 gr di sale

Sciogli nel prefermento l’uovo e un po’ di acqua, poi alterna le farine con acqua e zucchero. Aggiungi l’olio, il sale, i fiori di lavanda e impasta fino all’incordatura dell’impasto (sarà liscio, uniforme e si compatterà in unica massa).
Olia leggermente una ciotola e metti l’impasto, copri con della pellicola e lascia riposare l’impasto per 8 ore.
Al termine delle ore sgonfia delicatamente l’impasto, dividilo in pezzi e forma le tue palle da mettere nello uno stampo per Plum Cake vicini.
Lascia lievitare coperti fino al raddoppio.
Cuoci in forno a 180°C per 40 minuti, mettendo la placca nella parte bassa.

pan-briosche-lavanda

8 pensieri su “Pan briosche alla lavanda: ricetta sedativa

  1. ziaConsu ha detto:

    ..non riesco a capire quando aggiungi i fiori di lavanda all’impasto O_o mi sa che sono un po’ stordita 😛 ne ho giusto un bel sacchetto portato dalla Provenza e vorrei iniziare a sperimentare ^_^
    Ti faccio il mio più sincero in bocca al lupo x questa nuova avventura..vedrai che andrà bene, aspetto i dettagli ^_^
    Un abbraccio <3

  2. Enza ha detto:

    mai provato ricette contenenti lavanda…immagino il profumo oltre che il sapore!!
    era un po’ che non passavo ed ho letto della tua partenza,ti auguro vada tutto bene!!
    a presto

    • arianna ha detto:

      Grazie, va tutto bene!!!
      La lavanda io la metterei ovunque, è profumatissima nei lievitati!

  3. Darkrose ha detto:

    Ps: ma lo sai che qui la farina si vende da 1,5 kg in su? Che (altra) cosa strana ^^
    Anche in Finlandia è così, anche per il riso, e per il latte, minimo da un litro e mezzo in su 🙂

    • arianna ha detto:

      Davvero! Qui il riso invece si vende (a peso d’oro) a pacchetti da 500gr e il latte c’è anche il bicchiere 😉 Per fortuna solo la farina è “pompata!!”

I commenti sono chiusi.