Rabbia e ladri

Oggi scrivo per sfogarmi. Ho una gran rabbia dentro e non posso far nulla e solo il fatto di sentirmi così impotente mi fa arrabbiare ancora di più!
Sono entrati dei ladri a casa di mia nonna e si sono portati via tutto. Tutti i ricordi dei suoi 91 anni, tutta una vita di regali, sacrifici fatti da mio nonno portati via così, in un pomeriggio.
Una serratura scassinata e una casa rivoltata, violata in un certo senso. E mi viene una gran rabbia.
Certo, guardiamo i lati positivi, mia nonna lavora quindi non era in casa e non ha rischiato nulla. E non è stato rotto nulla se non un pezzetto del suo cuore. Ma non riesco a consolarmi. E la lontananza non aiuta in questi casi. Certo, l’ho chiamata e richiamata e alla fine la vedo venerdì, ma non mi basta. Vorrei essere con lei ora, cercare di minimizzare il tutto pensando invece a un modo per riportare indietro il tempo. Potevano portarsi via tutto i ladri, ma non i ricordi. Le foto. Quelle incorniciate. Volevi la cornice? Prendila ma lascia quello che c’è dentro. 
Lascia quelle foto di cui i rullini sono irrecuperabili. Quelle che vedi in bianco e nero, sbiadite, quelle che ti hanno fatto i fotografi perchè all’epoca non potevi permetterti altro. 

Ecco, è questo che mi fa rabbia. E il non poterci fare nulla, il pensare che quelle persone comunque la passeranno liscia… fa ancora più male.

Polpettone con bacche di goji e carote

400 gr di carne macinata
parmigiano
2 uova
100 gr di mollica di pane
50 gr di bacche di goji + una manciata
2 carote
sale
pepe
noce moscata
aglio
prezzemolo
250 ml di brodo vegetale
farina q.b.
olio evo

Impastare in una ciotola la carne trita, la mollica di pane ridotta in fini briciole, il parmigiano, le uova, il sale, il pepe, la noce moscata, il prezzemolo e le bacche di goji. Realizzare un cilindro e poi rotolatelo nella farina.
In un tegame mettere l’olio e rosolare a fuoco medio il polpettone su tutti i suoi lati, unendo uno o due mestoli di brodo. Coprire il tegame e lasciar cuocere a fuoco basso per un’ora circa ricordandosi di girare il polpettone ogni 15 minuti. 
Dopo un’ora bucare il polpettone con uno stecchino pe ser vedere fuoriesce del liquido rosa. In caso affermativo unire le carote, una manciata di bacche di goji, e lasciate cuocere ancora per 15 minuti. 
Una volta cotto lasciar riposare il polpettone al caldo per 5 minuti, poi tagliatelo a fette e servirlo con il suo contorno.

Meatloaf with goji berries and carrots

400 grams of ground beef
parmesan
2 eggs
100 grams of bread crumbs
50 grams of goji berries + a handful
2 carrots
salt
pepper
nutmeg
garlic
parsley
250 ml vegetable stock
flour q.b.
extra virgin olive oil

Mix in a bowl the ground beef , bread crumbs reduced to fine crumbs , Parmesan cheese , eggs, salt, pepper , nutmeg , parsley and goji berries . Making a cylinder and then roll it in flour.
In a pan, put the olive oil over medium heat and sauté the meat loaf on all sides , add one or two ladles of broth. Cover the pan and cook over low heat for about an hour , remembering to turn the loaf every 15 minutes.
After an hour pierce the meat loaf with a toothpick comes out pe ser see the pink liquid . If so, combine the carrots , a handful of goji berries , and simmer for another 15 minutes.
Once cooked leave to stand for the meatloaf to warm for 5 minutes, then cut into slices and serve with your dish side.

8 pensieri su “Rabbia e ladri

  1. veronica ha detto:

    Cara mi spiace tanto per te e tua nonna i ladri sono entrati a casa mia l'anno scorso e anche io ero arrabbiata perche'mi avevano portato via i ricordi.che rabbia e che vili.

  2. elenuccia ha detto:

    Mi dispiace Arianna. Tua nonna deve essere davvero una donna d'acciaio perchè all'età che ha è facile spaventarsi per queste cose. Io personalmente ci rimarrei malissimo a trovare il mio piccolo mondo devastato da degli estranei. Che brutta sensazione deve essere 🙁
    Scusa se te lo chiedo, ma tua nonna lavora a 91 anni?!??

    • arianna ha detto:

      Mia nonna ha reagito meglio di tutti noi! Adoro la sua forza ^^ e… Si, lavora ancora! Penso che non smetterà mai di lavorare!

I commenti sono chiusi.