Quiche di tonno e quinoa

La settimana scorsa c’è stato l’11/11.

Che, per chi non lo sapesse è il giorno dei single nonché dei pazzi sconti su aliexpress.
Avevo una mia lista dei desideri, piena di cose inutili di cui non potevo proprio farne a meno. Sia per me sia per le pupe sia per il marito ignaro di quello che lo aspetterà a Natale (immagina anche lo sghignazzo di Muttley).
Fatto sta che arriva il fatidico 11/11 con tanto di reminder via mail, via app del telefono e quasi quasi mi facevo anche chiamare a casa, tanto per essere sicura di non perdermi nulla, e apro la lista.
Delusione totale. Alcuni dei negozianti hanno alzato i prezzi per poi scontarli. Quindi il prezzo non era cambiato di una virgola. Per un paio di cose (sceme) che mi servono per il blog (eh si, servono proprio!) invece c’era uno sconto del 10%. E siccome costavano qualche euro, mi sono sentita un po’ presa in giro.
Il regalo per Cecilia invece era già esaurito. Non ho potuto vedere lo sconto ma immagino sia stato alto per fare un tutto esaurito. Quindi no, i vari reminder non mi sono serviti a nulla.
C’era invece un bel raccoglitore ad anelli in offerta al 50% che ho preso con soddisfazione.
Aspetto il giorno dopo, di solito Aliexpress inizia a spedire dal giorno dopo, mi arrivano le mail dei vari acquisti e arriva la mail del raccoglitore, pagato a prezzo pieno.
Come scusa? Scrivo subito al venditore, ho 7 giorni per annullare l’ordine, e ad oggi non mi ha ancora risposto.
La colpa ora di chi è? Mia? Sua? Ancora non lo so, e non so se aspettare o annullare l’ordine.
Mi sento un po’ presa in giro ma soprattutto non ho capito per quale motivo quell’ordine mi è stato scalato per intero e non scontato.
E’ una settimana che ci penso su e aspetto. Aspetto oggi ma domani annullo l’ordine, se ci fosse stata più trasparenza l’avrei anche preso a prezzo pieno invece nemmeno una risposta eh no, non ci sto!
Ok, esperienza da non ripetere. Così la prossima volta leggo meglio i feedback prima di acquistare.
Parlando di feedback positivi invece eccovi una ricetta che ha riscosso tantissimo successo pur essendo facilissima e veloce da preparare.
Le quiches piacciono a tutti, se poi ci si aggiunge la qualità di un ottimo filetto di tonno e la la bontà della quinoa il successo è assicurato.
Questa volta ho voluto metterle insieme aggiungendo anche una zucchina.
Il risultato è stato sorprendente! Una quiche leggera e gustosa, con la copertura colorata di verde e leggermente dolce grazie all’ottimo tonno e alla zucchina.
Buona e veloce, perfetta per una cena.

Quiche di tonno e quinoa

2 scatolette di filetti di tonno consorcio in olio d’oliva
1 1/2 tazze di quinoa cotta e raffreddata
1 uovo
1/2 tazza pan pangrattato
1 zucchina
1 cipolla tritata
1/2 cucchiaio di origano
sale
pepe
olio di semi

In una ciotola metti il tonno, la quinoa, l’uova, il pangrattato, la cipolla, e regola con origano, sale e pepe.
Mescola molto bene e inizia a compattare nella pirofila imburrata.
Copri il composto con la zucchina grattugiata e il pan grattato e metti in forno caldo a 180°C per 20 minuti.
Puoi servirlo caldo o a temperatura ambiente.

Tuna quinoa quiche

1 5oz. Canned tuna, drained
1 1/2 cups quinoa, cooked and cooled
1 egg
1/2 cup plain bread crumbs
1 zucchini
2 green onions, chopped
1/2 tablespoon dried parsley
Salt
Pepper
Olive oil

 

Using large pan add enough olive oil to cover the bottom of the pan and heat on medium.
In the meantime combine tuna, quinoa, egg, bread crumbs, onion, parsley, salt and pepper.
After all ingredients are mixed together roll and shrink in the buttered pan.
Cover the mixture with grated zucchini and bread crumbs and put in oven at 180 ° C for 20 minutes.
You can serve hot or at room temperature.

Quiches funghi e tartufi

Sapete quando avete una ricetta in testa che proprio non ce la fate a pensare ad altro? E finisce che ne assaporate il sapore ancor prima di averla assaggiata e che ne anticipate l’odore prima che esca dal forno? Sapete di cosa parlo vero, di quella sensazione che solo un piatto amato e ricercato può dare.
E oggi vi racconto questa sensazione, nata dalla mia prima quiche assaggiata in Francia anni (e anni) fa al compleanno di mia mamma, quando ero ancora una bambina. Una quiche che mi ha fatto amare i tartufi così, a primo assaggio. Una quiche che partiva un po’ avvantaggiata per via dei funghi ma che solo l’aroma di tartufo e la sofficità dell’impasto potevano esaltare così.
Una quiche che ieri, per il compleanno della mia mamma, ho voluto replicare. 
I ricordi magari mi ingannano un po’ e si sa, con gli anni diventano dei miti difficili da replicare, ma quando l’ho assaggiata non ho potuto fare a meno di tornare a quel tavolo a cui arrivavo solo perchè avevo un paio di elenchi del telefono sotto il sedere!

Quiches funghi e tartufi

2 uova
200 ml di panna
noce moscata
sale
pepe
2 funghi pleurotus medi
Pulite e tagliate i funghi. Saltateli in padella per circa 5 minuti con un filo d’olio.
In una ciotola mescolate panna, uova, un pizzico di noce moscata e i funghi scolati. Salate, pepate e grattugiate il tartufo nel composto.
Versatelo in pirottini di media grandezza (o in due teglie piccole) e cuocete a forno caldo a 180° per 30 minuti.

Quiches mushrooms and truffles

2 eggs
200 ml of cream
nutmeg
oil
salt
pepper
Oyster mushrooms 2 medium
black truffle
Clean and cut the mushrooms. Toss in the pan for 5 minutes with a drop of oil.
In a bowl, mix cream, eggs, a pinch of nutmeg and mushrooms. Add salt, pepper and grated truffles in the compound.
Pour into cups of medium size (or two smaller pans) and bake in preheated oven at 180 degrees for 30 minutes.

Mini tortine in sfoglia di patate

Sono nel mio periodo fingerfood. Lo ammetto.
Ma è divertente fare tante piccole variazioni su un unico piatto e provarle con diversi ingredienti in… piccoli assaggi. Così, se non piacciono, si passa al prossimo (e non si è costretti a mangiare tutto)!

Ingredienti:
– 3 uova
– parmigiano reggiano
– 1 caprino
– erba cipollina
– 2 patate medie
– sale
– pepe
– burro

Procedimento:
Imburrate gli stampini. Tagliate le patate a fette molto sottili.
In una ciotola sbattete le uova con il parmigiano, il caprino e l’erba cipollina. Regolate di sale e pepe.
Versare il composto negli stampini e adagiate le fette di patate.
Infornate a 160°C per 20 minuti.

Quiche ai 3+1 formaggi

Le quiche veloci di inizio settimana sono così piaciute che ho voluto bissare con una versione ai 4 formaggi. Ma, non piacendomi il gorgonzola, ho optato per una versione ai “3 formaggi+1”.
A voi la ricetta!

Ingredienti: 
– 2 uova
– 200 ml di panna

– 50 g di fontina
– 50 gr di mozzarella
– 50 gr di parmigiano 
– 1 sottiletta per ogni quiche
– noce moscata
– olio
– sale
– pepe
Procedimento: 
Tagliate la fontina a dadini, e la mozzarella a fette. Mettete quest’ultima a sgocciolare per qualche minuto. Sbattete le uova in una ciotola con il parmigiano grattugiato e la panna. Distribuite fontina e mozzarella negli stampi, versate il composto di uova e parmigiano, coprite con un foglio di carta di alluminio e infornate a 190 C per 30 minuti. Levate, adagiate le sottilette su ogni quiche e lasciate raffreddare.

Quiche veloci

Mai prima d’ora avevo sperimentato con una quiche. Ma, complice una buonissima quiche vegetariana presa al volo ad ikea (incredibile ma vero!!!) eccomi qui a farne due versioni.
Veloci e facili, proprio la ricetta ideale per una mamma di corsa!

Ingredienti: 
– 2 uova
– 200 ml di panna

– 50 g di emmental
– noce moscata
– olio
– sale
– pepe
– 5 pomodorini (per quella al pomodoro)
– 2 carote (per quella alle carote)

Procedimento:
Lavate, pulite e tagliate pomodori e carote. Saltate la carote in padella per circa 5 minuti con un filo d’olio.

Tagliate il formaggio, in una ciotola mescolate panna, uova, formaggio, un pizzico di noce moscata e dividete l’impasto: in uno mettete i pomodorini e nell’altro, quando saranno pronte, le carote. Salate e pepate. 
Versate i composti in pirottini di media grandezza (o in due teglie piccole) e cuocete a forno caldo a 180° per 30 minuti.