Focaccia con cipolle: ricetta protettiva

focaccia-cipolle-architectoftaste
Potere della cipolla, vieni a me! No aspetta, non faceva proprio così, vero? 😉
Però adesso come adesso ho bisogno di loro, delle cipolle, della loro capacità di farmi sta meglio quando sono raffreddatissima.
Raffreddore a giugno, ma si può? Si se fra due settimane arriva anche l’inverno e io quando cambia il tempo mi ammalo.
Un semplice raffreddore non ha mai ucciso nessuno per carità, ma la voglia di uscire c’è ed è tanta ma fa freddo quindi no, oggi è meglio che rimango a casa. Che poi ho scoperto una cosa molto bella della Nuova Zelanda: non è che faccia poi così freddo in verità, mio marito è ancora a mezze maniche e noi usciamo con una semplice felpa addosso, ma quando il vento arriva ti uccide. E’ il vento il cattivo. E’ forte, fortissimo. E freddo. Passi dall’avere quasi caldo al tremare. Così mi sono fregata.

E che ho fatto? Mi sono fatta una bella zuppa di cipolle e patate anzi, non patate ma kumara, patate arancioni, la prima cosa che ho fotografato quando sono arrivata qui, le avrai viste su instagram un mese fa!
Ma dato che la malata sono solo io per gli altri ho impastato. Ho anche trovato questo nuovo lievito che sembra funzionare meglio degli altri.
Ho impastato una focaccia, anzi, una focaccia con cipolle, che si sono mangiati abbinati al rostbeef a fette che quasi ti tirano dietro al supermercato. Perché affettati ce ne sono, ma non i nostri. Cioè si, c’è anche un mercato apposta dove ho trovato addirittura la mozzarella buonissima, ma il costo era da capogiro.

Quindi non ho fotografato la zuppa perché ho mangiato insieme a Cornelia alle 19, ma la focaccia si! E come vedi si è anche bruciacchiata!!

Le cipolle, venerate nell’antico Egitto per la loro capacità di assorbire le impurità, e si trovano appese in corone sulla porta ancora oggi nel New England per scaramanzia contro il male e le malattie. Ma a me servono perché si distinguono per le loro proprietà antibatteriche e anti-infiammatorie.
Ottime alleate per la salute fisica, sono ricche di vitamina B6, acido folico, potassio, manganese e vitamina C.
Aggiungi le cipolle al tuo pasto e vedrai la differenza.

La mia focaccia con cipolle, bruciacchiata, al suo interno mi ha stupita. Croccante e saporita, come non mi capitava da un po’ di farla così buona. Io l’ho solo assaggiata, la mia gola in fiamme non mi ha permesso altro, ma Federico e Cecilia se la sono finita. E vabbè che non era enorme ma è comunque una gran bella soddisfazione vederli mangiare così di gusto!
Un pezzo è finito anche a Cornelia ma lei non fa testo, mangia qualsiasi cosa (compresi terra, sabbia,… ma questa è un’altra storia!).

focaccia-cipolle

Focaccia con cipolle

250 gr di farina
140 gr di acqua fredda
4 gr di lievito secco
30 gr di olio
sale
pepe
1/2 cipolla rossa

Il una ciotola amalgama la farina con il lievito, aggiungi metà olio, metà acqua e mescola velocemente.
Aggiungi il resto dell’olio e poco a poco tutta l’acqua. Impasta per una decina di minuti, copri con un canovaccio e lascia riposare per un’ora.
Ribalta l’impasto su una placca da forno ed inizia ad allargarlo aiutandoti con i polpastrelli oleati.
Dopo un paio di ore sarà pronta per il forno.
Affetta la cipolla. Aggiungi a pioggia il sale e il pepe e guarnisci con le rondelle di cipolla. Inforna a metà forno a 200°C, per 15 minuti.
focaccia-cipolle-protezione

6 pensieri su “Focaccia con cipolle: ricetta protettiva

  1. tizi ha detto:

    che buona la focaccia alle cipolle! io la mangerei in ogni stagione, è tanto semplice quanto saporita e golosa… tu riguardati cara, tieniti al riparo dal vento freddo e continua a sfornare piatti come questo, che scaldano il cuore 😉

    • arianna ha detto:

      Il vento è diventato il mio incubo!!! E se penso che a Wellington peggiorerà tremo!! Uff, voglio l’estate 😉

  2. Anna Rita ha detto:

    Che meraviglia la Nuova Zelanda! È il mio sogno assieme all’Australia! E pensare che tu ce l’hai dietro l’angolo 😉 direi che la tua focaccia, sia la medicina giusta (e golosa) per un raffreddore che proprio non si sopporta!
    P.s. Febbre alta intorno ai 40 anche per me che vivo in un Italia sempre più tropicale 😉

    • arianna ha detto:

      E infatti fra un mese e mezzo ci spostiamo proprio lì 😉 leggerai anche dell’Australia, promesso!
      Mannaggia per la febbre, certo che d’estate proprio non ci vuole!

  3. ipasticciditerry ha detto:

    Che buona Ari! Mi spiace per il tuo raffreddore, cerca di stare bene, capito? Se lo trovi mangia anche dello zenzero, che aiuta, aumenta le difese immunitarie e miele … Ehhh immagino i loro affettati, me li ricordo bene ahahahaah Bellissime anche le caramelle che hai postato. Ma quante ne sai? Un abbraccio

    • arianna ha detto:

      L’ho passato anche alle pupe -.- farò scorta, come dici tu 😉 grazie del consiglio!!
      Sono contenta ti sino piaciute anche le mie caramelle, sono anche buone 😉

I commenti sono chiusi.