Maiale e confettura di more: ricetta difensiva

braciole-maiale-confettura-more
E’ quasi un mese che siamo ad Auckland eppure mi sento ancora una straniera. Eppure non posso far a meno di essere incuriosita da questo paese dove praticamente hanno ogni taglio di carne con un sapore unico, genuino.
Qui l’aria è buona, è molto più buona che nelle nostre metropoli, e la natura rimane incontaminata in tutto: allevamenti, coltivazioni, i parchi sotto casa,…

Se mi segui su instagram avrai notato quanto verde c’è nelle mie foto. E non è perché me lo vado a cercare, ma qui è davvero ovunque. La nostra casa è in un quartiere residenziale pieno di villette ma quello che è assurdo è il fatto che ci sono più alberi che case. E nessuna recinzione. Qui è come in America, tutto aperto. Nè steccati né muri. Volendo puoi entrare nei giardini di tutti. Assurdo.
Ma cosa è più assurdo, comportarsi con tale fiducia nel prossimo o fare l’esatto contrario. Non posso fare a meno di pensare alla villa dei miei genitori, con il suo muro di cinta alto e fatto alzare ancor di più quando entrarono dei ladri in casa.
Anche qui ci sono i furti, ma c’è molto più rispetto e… ecco, mi fa strano, non ci sono abituata.

Forse per questo ho preso la marmellata di more. Per protezione. Come si faceva in campagna da mia nonna, non c’erano muri ma piante su piante di more per delimitare proprietà. Anche i poderi della zona la usavano con funzione principale difensiva.

Infatti le more promuovono la ricchezza e proteggono dal male.
Torte di more erano tradizionalmente cotte i primi di agosto per proteggere le colture e incoraggiare un raccolto abbondante.
Le more inoltre contengono vitamine C e A, in erboristeria le proprietà che vengono sfruttate sono quelle astringenti e lassative.

Per questo particolare secondo piatto mi sono lasciata tentare dalle rimanenze in dispensa.
Ho quindi combinato una confettura di more rimasta dalla colazione con l’aceto balsamico rimasto dalle ultime insalate.
I succhi che escono dalla carne di maiale mentre rosola conferiscono alla confettura una base saporitissima. Anche se è la confettura di more la vera protagonista del piatto, che aggiunge un tocco di colore e di gusto vellutato che ben contrasta il sapore secco delle braciole.
braciole-maiale-confettura-more-architectoftaste

Braciole di maiale con confettura di more

4 braciole di maiale
sale
pepe
½ tazza di marmellata di more
2 cucchiai di burro
2 cucchiai di aceto balsamico
1 cucchiaio di acqua

Fai rosolare in padella le braciole con un cucchiaio di burro e condisci con sale e pepe.
Aggiungi l’altro cucchiaio di burro e la marmellata, poi l’aceto balsamico e l’acqua.
Coperchia e lascia sobbollire a fuoco basso finché il sugo di cottura non si addensa.
Servi le braciole coperte con la loro salsina.
braciole-maiale-confettura-more-difesa