Confettura di papaya

Terra! Terra! Ecco, ora so come si sentono i marinai quando avvistano la terra. Dopo quasi 2 mesi lontana da casa mi ero scordata quanto è bello riprendere la quotidianità.
Per questa estate ci siamo divisi fra doveri e piaceri. Il dovere è stato il soggiorno a Roma: 3 settimane in un via vai di parenti e amici che dopo due giorni non ne potevamo più ma che mancano appena partiti.
E poi il piacere: un mese di mare in Sicilia. Che spettacolo! E’ stato un po’ un peccato non averla potuto girare interamente ma con due pupe al seguito abbiamo fatto il possibile.
Palermo, Trapani, Marsala, Mazara del vallo, Segesta, Agrigento, Sciacca, Gibellina vecchia, con le spiagge di Pozzitello ed Eraclea, le saline e tutti i templi e gli scavi della zona.
Ho ancora gli occhi pieni di mare e rovine greche.
Bagni in quel bellissimo mare ne ho potuti far pochi, si e no uno al giorno, e quell’unico sempre con Cecilia che ha anche imparato a nuotare con i braccioli!
Cecilia e mio marito non ho idea di quanti ne hanno fatti, ma di certo si sono goduti appieno quel mare cristallino. E’ forse il mio unico rammarico aver fatto così pochi bagni, ma Cornelia era un bel po’ agitata in spiaggia e spesso si calmava solo con me. Comunque solo la vista del mare mi faceva sentire in vacanza!
E poi il cibo, che cultura gastronomica interessante! Mentre mio marito si è divorato la pasta con le sarde e non so quanti cannoli, io mi sono spazzolata piatti di cous cous di pesce e granite di gelso. Più granite che altro in verità!
E poi ho assaggiato diverse confetture: quella ai fichi, ai fichi d’india e… alla papaya! Non c’entra nulla con la Sicilia ma era la prima volta che l’assaggiavo e mi ha entusiasmata così tanto che ho voluto rifarla appena tornata a casa.
Per fare la confettura di papaya si può utilizzare lo zucchero bianco, quello di canna oppure lo zucchero di palma, che darà alla marmellata una colorazione e un gusto leggermente diverso, a voi la scelta, io ho usato quello di canna.

Confettura di papaya

2 kg di Papaya
250 gr di zucchero

 

Pelare la papaya e levare i semi, poi tagliarla e frullala.
Versare la papaya in una pentola e metterla a cuocere, quando risulterà un po’ appassita versare delicatamente lo zucchero mescolando con un cucchiaio di legno continuamente e in modo uniforme per 45 minuti circa.
Quando la consistenza supererà la “prova del piattino”, toglierla dal fuoco e lasciarla raffreddare prima di metterla nei contenitori.

Papaya jam

2 kg of Papaya
250 grams of sugar
Peel the papaya and remove the seeds, then cut and Frullala.
Pour the papaya in a pot and put it to cook, when will be a little ‘faded gently pour the sugar, stirring with a wooden spoon continuously and evenly for about 45 minutes.
When the size exceeds the “proof of saucer”, remove from heat and allow to cool before putting it in containers.

6 pensieri su “Confettura di papaya

I commenti sono chiusi.