Ciambellone con mascarpone, lamponi e bacche di goji

Questa settimana, a casa nostra, è ricominciata ufficialmente la stagione delle torte, abitudine che
Questo fine settimana avevo proprio voglia di infornare un buon dolce per la colazione, una di quelle torte “da credenza”, soffici, che si sciolgono in bocca morso dopo morso, ma meno “carica” di una quattro quarti.
Ho trovato la soluzione, girovagando in rete, prendendo idee di qua e di là in questa torta al mascarpone, che ha una consistenza molto simile alla quattro quarti ma risulta meno burrosa. Semplicemente deliziosa!
La cosa che più mi ha affascinato è stato l’utilizzo del mascarpone nell’impasto. Tutto diventa una nuvola, soffice, delicata e con una consistenza unica. I lamponi tendono a smorzare il sapore dolce del mascarpone e delle bacche di goji e rendono più armonioso il gusto di questa torta.
Perfetta sia per l’inzuppo sia per essere mangiata così al naturale, non si sbriciola troppo (ho un’avversione verso le torte che mi si sbriciolano in mano) e si può mangiare con pupe in braccio senza sporcarle 😉
Fra l’altro se ben coperta, resta soffice per diversi giorni. Certo, se invece fate come noi non resiste più di tre per quanto è buona!

Ciambellone con mascarpone, lamponi e bacche di goji

200 gr di farina 00
67 gr di maizena
100 gr fra lamponi e bacche di goji
2 uova
135 gr di mascarpone
135 gr di zucchero
135 gr di latte fresco
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaino di bicarbonato
47 gr di burro

Preriscaldare il forno a 180°C.
Sbattere le uova con lo zucchero fino a quando non saranno raddoppiate di volume.
Unire un cucchiaio di mascarpone alla volta, mescolando bene.
Aggiungere, alternandoli al latte, la farina e la maizena.
Unire quindi il burro fuso. Mescolate per una decina di minuti finché l’impasto risulti liscio e privo di grumi. Aggiungere quindi la miscela di bicarbonato e aceto.
Versare metà dell’impasto nello stampo. Adagiare i frutti di bosco e coprire con il restante impasto. Porre in forno e fate cuocere per 40-45 minuti.
Sfornare e lasciare raffreddare nello stampo.

Bundt Cake with mascarpone, raspberries and goji berries

200 grams of flour 00
67 grams cornstarch
100 grams of raspberries and goji berries
2 eggs
135 grams mascarpone
135 grams of sugar
135 grams of fresh milk
1 tablespoon of apple cider vinegar
1 teaspoon baking soda
47 grams butter

 

Preheat oven to 180 ° C.
Beat the eggs with the sugar until it will be doubled in volume.
Combine one tablespoon of mascarpone at a time, mixing well.
Add alternately with milk, flour and cornstarch.
Then combine the melted butter. Stir for about ten minutes until the dough is smooth and free of lumps. Add the mixture of baking soda and vinegar.
Pour half of the mixture into the mold. Put the berries and cover with the remaining dough. Place in oven and cook for 40-45 minutes.
Remove from oven and let cool in the mold.

Ciambelline yogurt e cioccolato

Ecco uno dei miei ultimi dolci. Questa volta avevo voglia di qualcosa che fosse molto dolce, ma soprattutto semplice, veloce e… svuotafrigo!
Lo ammetto: lo yogurt bianco lo compro ma spesso me lo dimentico in frigo! E finisce quasi sempre mangiato al volo o… in qualche ricetta!
Questa è riuscita davvero bene e sinceramente non vedo l’ora di provarla in altre varianti!
Ora, io per comodità ho preferito fare delle ciambelline, in modo da poterle mangiare in ogni momento della giornata (che ci volete fare, mi è presa una grande voglia di dolci!), ma con le stesse dosi qui indicate potrete riempire il classico stampo da ciambellone raddoppiando i tempi di cottura.
Se invece volete eliminare del tutto il cioccolato dall’impasto: nessun problema, avrete comunque delle ciambelle allo yogurt senza variare la quantità degli altri ingredienti, oppure se usate uno yogurt fruttato avrete delle ciambelle più aromatiche.
Per il resto non mi resta che augurarvi una buona colazione, o buona merenda!

Ciambelline yogurt e cioccolato

180 gr di farina
100 gr di burro
140 gr di zucchero
2 uova
150 gr di yogurt bianco
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di aceto di mele
40 gr di cacao amaro in polvere

 

Preriscaldare il forno a 180°C.
Dividere i tuorli dagli albumi, montandoli a neve ben ferma.
In una ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero, unire lo yogurt, il burro fuso raffreddato, il cacao e la farina. Infine incorporare delicatamente gli albumi montati a neve. Amalgamare con delicatezza.
Preparare la miscela di bicarbonato e aceto unendola per ultima all’impasto.
Versare l’impasto nello stampo per 3/4.
Infornare per 20 minuti circa nel caso delle ciambelline e 40 minuti circa nel caso del ciambellone. Sfornare e lasciare raffreddare prima di togliere dallo stampo.

Yogurt and chocolate donuts

180 grams of flour
100 g butter
140 grams of sugar
2 eggs
150 grams of plain yogurt
1/2 teaspoon baking soda
1 teaspoon of apple cider vinegar
40 grams of cocoa powder
Preheat oven to 180 ° C.
Divide the egg yolks from the whites, mounting them until stiff.
In a bowl beat the egg yolks with sugar, add the yogurt, the cooled melted butter, cocoa and flour. Finally gently incorporate the egg whites until stiff. Mix gently.
Prepare the mixture of baking soda and vinegar mixture uniting it to last.
Pour the mixture into the mold to 3/4.
Bake for 20 minutes in the case of donuts and 40 minutes in the case of the donut. Remove from oven and let cool before removing from the mold.

Risotto alla crema di scampi

Eccoci qui con il primo post a rilento.
E’ stata ed è ancora faticosa ma essere mamma è anche questo. E ad inizio settimana per la prima volta mi sono trovata alle prese con 2 pianti ben diversi: Cecilia con la febbre e Cornelia con la fame.
Mio marito era in riunione e io non sapevo dove mettere le mani!
Un caos, una giornata passata con entrambe in braccio che mi ha fatto perdere gli ultimi kg che avevo messo su in gravidanza. Per fortuna la febbre di Cecilia è durata solo un giorno. Cornelia invece… ha sempre fame!
Chiudendo la mia breve ma intensa giornata vi lascio con il piatto che ho preparato qualche giorno prima di rompere le acque.
Sono una fan del risotto agli scampi ma non avevo mai provato a farlo. Certo, non è un piatto che si fa in 10 minuti ma il risultato finale vale tutto il tempo necessario!

Risotto alla crema di scampi

200 gr di riso
400 gr di scampi
100 gr di passata di pomodoro
50 ml di panna da cucina
1/2 cipolla
1/2 carota
1/2 gambo di sedano
1 bicchiere di vino bianco
1 tazzina di cognac
olio evo
sale
prezzemolo

 

Pulire gli scampi privandoli di teste, chele e carapace.
Recuperare teste e chele e metterle in una pentola con circa 1 litro di acqua, aggiungere cipolla, carota, sedano, 1/2 bicchiere di vino e fare cuocere per 45’.
In un tegame mettere un po’ di olio, aggiungere gli scampi sgusciati, lasciare insaporire, poi aggiungete la tazzina di cognac e poi la passata di pomodoro. Far cuocere per 10-15 minuti.
Nel frattempo in una casseruola mettere un po’ di olio e aggiungere il riso. Girarlo con un cucchiaio per tostarlo e sfumare con il rimanente vino bianco.
Una volta evaporato il vino cominciare la cottura del riso aggiungendo il brodo con le chele e le teste, filtrato.
Quando gli scampi saranno pronti frullarli direttamente nel loro sugo e aggiungere la panna.
Aggiungere la crema di scampi al riso, 5 minuti prima che termini la cottura.

Risotto with scampi sauce

200 grams of rice
400 gr of scampi
100 grams of tomato puree
50 ml of cream
1/2 onion
1/2 carrot
1/2 celery stalk
1 cup white wine
1 cup of cognac
extra virgin olive oil
salt
parsley
Clean the prawns depriving them of heads, claws and carapace.
Recover heads and claws and put them in a pot with about 1 liter of water, add onion, carrot, celery, 1/2 glass of wine and cook for 45 ‘.
In a pan put a little ‘oil, add the prawns in shell, let simmer, then add a cup of cognac and then the tomato puree. Cook for 10-15 minutes.
Meanwhile, in a saucepan put a little ‘oil and add the rice. Turn it with a spoon to toast and sprinkle with the remaining white wine.
Once the wine has evaporated begin cooking the rice, adding the broth with the claws and heads, filtered.
When the prawns are ready whisk in their own sauce and add the cream.
Add the cream of shrimp rice, five minutes before the end of cooking.

Biscotti integrali ai fiori di lavanda

Eccoci finalmente giunti all’8 maggio. Oggi avrei finito le 40 settimane canoniche di gravidanza.
Avrei perché senza alcun preavviso il 26 aprile ho rotto le acque.

Non potevo lasciarvi così, senza parlare dell’arrivo della nuova miss.

Ve la riepilogo brevemente: ricoverata alle 11 di mattina, calma piatta fino alle 18 poi sporadiche contrazioni ma leggere. Dalle 23 iniziano quelle più forti, alle 2 di notte mi visitano e di corsa in sala parto, la piccolissima è nata alle 2:34!

Quando sono diventata mamma la prima volta è stato come se niente potesse più essere come in passato.
La cosa che più continua a mancarmi? La mancanza di tempo e di solitudine.
I giorni stanno volando veloci: il ritorno a casa dalla mia famiglia, in quattro, i primi giorni, il profumo di un neonato, il sonno che vorresti e non hai, il primo riconoscersi attraverso sorrisi che paiono smorfie.
Lo so, fa caldo e il forno sarebbe meglio lasciarlo spento. Ma a volte è così confortevole mettere le mani in pasta, concedersi una piccola pausa e infornare biscotti.
E biscotti speciali con un  nome che pare dire che avete preparato qualcosa di estremamente “chiccoso”.
Mentre è solo un elogio a lei, Cornelia, la mia seconda primavera.

E con questi biscotti vi dico anche che il blog, fino ad agosto, si prende un periodo di “rilassamento”. Dalla prossima settimana ci sarà solo un post a settimana così ho più tempo per dedicarmi alle mie bambine!

Biscotti integrali ai fiori di lavanda

200 gr di zucchero semolato
200 gr di burro morbido
1 uovo lievemente sbattuto
400 gr di farina integrale
1 cucchiaio di fiori di lavanda

 

Sbattere il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema, aggiungere i fiori di lavanda e mescolare unendo l’uovo lievemente sbattuto.
Aggiungere la farina e mescolare lentamente fino ad ottenere un impasto un po’ sbricioloso.
Formare un palla, avvolgetela nella pellicola e porla a riposare in frigorifero per almeno 1 ora. Una volta trascorso il tempo, preriscaldare il forno a 180°C, stendere l’impasto su un piano lievemente infarinato, intagliare i biscotti e trasferirli su una teglia foderata con carta forno.
Fare quindi cuocere circa 10 minuti, sfornare e lasciare raffreddare.

Wholemeal biscuits with lavender flowers

200g caster sugar
200 grams of soft butter
1 egg slightly beaten
400 grams of wheat flour
1 tablespoon of lavender flowers

 

Beat butter with sugar until creamy, add the lavender flowers and mix by combining the egg slightly beaten.
Add flour and stir slowly until the mixture is a little ‘crumbly.
Form a ball, wrap in plastic wrap and put it to rest in the refrigerator for at least 1 hour. Once spent the time, preheat the oven to 180 ° C, roll out the dough on a lightly floured surface, carving cookies and transfer them to a baking sheet lined with parchment paper.
Then cook about 10 minutes, bake and cool.

La via dei sapori: riepilogo!

Eccoci giunti alla fine di questo viaggio durato un anno intero!
Con Serena siamo rimaste piacevolmente colpite da quante ricette ci sono arrivate! Con un inizio un po’ incerto abbiamo invece chiuso in bellezza. Ma d’altronde finire questo viaggio nel nostro paese è stata forse la scelta più giusta.
L’ultima tappa è stata accolta con un entusiasmo che non ci aspettavamo, tantissime le ricette e le proposte, da tante regioni, ed è bello vedere che alla fine noi foodblogger siamo così orgogliose del nostro patrimonio gastronomico!
Prima di mettervi il pdf voglio fare un breve resoconto di tutte le tappe, metto anche i vari pdf per chi se li fosse persi strada facendo.
I paesi scelti in 12 mesi sono stati 8 perchè dopo l’estate abbiamo pensato di dare più tempo alle persone per inviare le proprie ricette. Infatti siamo passate da un mese a due. E devo dire che è stata una buona scelta!
Abbiamo iniziato con i nostri cugini francesi, in ritardo per via della Pasqua e con sole noi dentro il pulmino. Le nostre sole 3 ricette sono raccolte in questo mini pdf:

Poi siamo passate alla Spagna, un po’ demotivate a fine mese perchè la raccolta non aveva preso il via come speravamo ma comunque siamo riuscite a fare la prima vera “raccolta” in pdf, per un totale di 11 ricette, ed ecco il riepilogo:

Dopo la Spagna ci siamo fermate in Marocco e la nostra via dei sapori ha iniziato a prendere il via! Infatti con 19 ricette ci sembrava di aver preso la “giusta via”, ma il meglio doveva ancora venire… intanto vi lascio al pdf:

 

Per l’estate vi abbiamo portato in Grecia e passando l’estate ai fornelli abbiamo pensato infine di allungare tutte le tappe e coprire due mesi. Ma anche la Grecia ci ha dato delle belle soddisfazioni: 38 ricette! Ecco il corposo pdf:

Lasciata la calda Grecia ci siamo spostati in Inghilterra e con un periodo più lungo da passare in cucina ci sono arrivate 35 ricette! Devo ammetterlo, il nostro entusiasmo era alle stelle ^^

Ecco il pdf:

Per il periodo di Natale abbiamo pensato a una meta decisamente invernale e infatti siamo finite in Finlandia dove abbiamo collezionato ricette con sapori insoliti oltre i famosissimi biscotti! In questa tappa ci sono arrivate 15 ricette, ma devo ammettere che la Finlandia non è stata semplice e inoltre natale ha tenuto impegnati tantissimi di noi quindi immaginavamo di non avere una raccolta molto grande. Il pdf finale ci ha dato comunque soddisfazione:

 

Dopo i bagordi di Natale non contente ci siamo tuffate in un’avventura ancora più grande decidendo di arrivare agli Stati Uniti d’America! 24 ricette tutte molto golose, c’è l’imbarazzo della scelta se uno sta cercando qualcosa di dolce! Eccole qui:
Siamo arrivate agli ultimi due mesi con una domanda: come chiudere in bellezza? E la risposta è venuta da sé: in Italia! Abbiamo così tante ricette diverse di regione in regione e la nostra cucina è così apprezzata in tutto il Mondo che non potevamo essere indifferenti a quella dieta che ci accompagna nella vita di tutti i giorni. Quindi si torna indietro, in patria, e con l’Italia abbiamo chiuso in bellezza: 67 ricette!
A voi “l’ultima fatica”, il pdf del nostro paese:
Cosa aggiungere? Ma naturalmente un enorme grazie a tutti voi che ci avete accompagnato, supportato e soprattutto sopportato! La nostra via dei sapori non poteva esistere senza il vostro contributo e siamo davvero felici di poterla chiudere con queste raccolte. La “nostra” via dei sapori è diventata la “vostra”, e siamo felicissime di aver fatto questo viaggio insieme a tutti voi.
E dato che i paesi non sono ancora finiti nulla ci vieta di riprendere il viaggio prima o poi, quindi tenete sempre una valigia pronta con un mestolo dentro!

Tortilla de patatas – la biblioteca

Maggio è iniziato e io vi porto subito dentro un libo dalla mia biblioteca. Ma non un libro qualsiasi, uno spagnolo che mi fu regalato da mia cognata per il mio compleanno quando ero incinta di Cecilia.
Mi sembrava logico iniziare maggio con questo libro dato che a breve nascerà quest’altra “patatina”.
E niente di meglio di una tortilla da una ricetta originale spagnola e così ricca (e semplice) che me ne sto mangiando a palate!
A dire il vero sono tentata anche di fare una serata a “tortillas” ma mio marito non ama le frittate tanto quanto le amo io quindi per ora rimando ancora un po’ aspettando che Cecilia ne mangi più di una fetta! Per fortuna almeno a lei piacciono. E speriamo anche a quest’altra bimba ^^
Ma torniamo alla nostra tortilla… buona sia calda sia fredda, soffice e piena zeppa di patate! Molto diversa da quella che facevo di solito, su ricetta di nonna papera, e devo dire che questa mi piace di più se dovessi scegliere. Io consiglio di provarle entrambe così da poterle confrontare meglio.
Le dosi della ricetta sono per 8 persone, io le ho dimezzate ed è venuta la tortilla che vedete in foto. Uno spicchio a Cecilia, uno al marito e il resto me lo sono spazzolato io. Però se dovessi dirla tutta, forse è l’appetito da gravidanza che parla 😉

 

Aspetto che nasce questa piccola per vedere la giusta dose!

Tortilla de patatas

450 gr di patate tagliate a dadini
425 ml di olio
2 cipolle
2 uova grandi
sale
pepe
prezzemolo

 

Mondare e tagliare le cipolle.
Scaldare metà olio e versarci, una volta caldo, le patate e la cipolla, facendo cuocere per 5 minuti. Spegnere e metterle in una ciotola a intiepidire.
In una ciotola a parte sbattere le uova con il sale. Unire le patate e le cipolle.
In una padella riscaldare il rimanente olio e versare il composto abbassando la fiamma. Cuocete per 10 minuti, coprendo con un coperchio, girare la tortilla e cuocere per altri 10 minuti.
Servire calda o fredda.

Tortilla de patatas

450 grams of diced potatoes
425 ml of oil
2 onions
2 large eggs
goes up
pepper
parsley

 

Peel and chop the onions.
Heat half of oil and pour, once hot, the potatoes and the onion, and cook for 5 minutes. Turn off and put them in a bowl to cool.
In a separate bowl beat the eggs with the salt. Add the potatoes and onions.
In a frying pan heat the remaining oil and pour the mixture by lowering the flame. Bake for 10 minutes, covering with a lid, turn the tortilla and cook for another 10 minutes.
Serve hot or cold.