Cipolla – Allium sepa

La cipolla (allium cepa) è utilizzata come alimento e condimento, ma è anche adoperata a scopo terapeutico per le proprietà attribuitele dalla scienza e dalle tradizioni della medicina popolare.Attribuita alla famiglia delle Liliaceae è una pianta coltivata bulbosa biennale il cui ciclo di vita, in coltivazione, viene interrotto a un anno al fine di destinarla al consumo.

Ha radici superficiali, con foglie che si ingrossano nella porzione basale dando la parte commestibile. Forma un lungo stelo fiorale che porta un’infiorescenza a ombrella con fiori di colore bianco-giallastro.

Un po’ di storia

Sembra che negli insediamenti cananei dell’età del bronzo sono stati ritrovati resti di cipolle, ma non è chiaro se esse fossero effettivamente coltivate a quell’epoca. Le testimonianze archeologiche e letterarie suggeriscono che la coltivazione potrebbe aver avuto inizio circa duemila anni dopo, in Egitto, dove sembra che le cipolle facessero parte della dieta degli operai che costruirono le piramidi.
Gli antichi egizi ne fecero anche oggetto di culto, associando la sua forma sferica e i suoi anelli concentrici alla vita eterna. Gli egizi credevano che il forte aroma delle cipolle potesse ridonare il respiro ai morti.
Spostandoci nell’antica Grecia invece gli atleti mangiavano cipolle in grandi quantità, poiché si credeva che esse alleggerissero il sangue, mentre i gladiatori romani si strofinavano il corpo con cipolle per rassodare i muscoli.
Nel medioevo le cipolle avevano grande importanza come cibo, tanto che erano usate per pagare gli affitti e come doni. I medici prescrivevano le cipolle per alleviare il mal di capo, per curare i morsi di serpente e la perdita dei capelli.
Nel XVI secolo le cipolle erano inoltre prescritte come cura per l’infertilità, non solo nelle donne, ma anche negli animali domestici.

Coltivazione e conservazione

Le cipolle vengono coltivate per i loro fusti verdi e per i loro bulbi. Hanno bisogno di un terreno ricco e umido ma mai troppo inzuppato di acqua.
La coltivazione da seme avviene piantando i semi direttamente nel terreno a 1 cm di profondità, lasciando circa 10 cm di spazio da pianta a pianta. Una volta avvenuta la semina bisogna attendere dai 90 ai 120 giorni prima del raccolto. Nei climi miti la cipolla può essere coltivata anche in inverno, altrimenti la cipolla è una pianta tipicamente primaverile.

Impieghi terapeutici

Nel campo della medicina la cipolla riveste la sua importanza per le sue proprietà diuretiche. È inoltre utilizzata come principio attivo di alcune creme cicatrizzanti.
La cipolla contiene composti solforati (doti antibiotiche) e cromo, che contribuiscono a contenere la glicemia e i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi, a prevenire l’aterosclerosi e le malattie cardiache.

In cucina

La cipolla è uno degli aromi più usati nella cucina di tutti i paesi.
Sarebbe molto lungo elencare tutte le preparazioni che ne fanno uso, ma si possono ricordare, a titolo di esempio, la frittata di cipolle, la soupe à l’oignon, la cipolla fritta (onion rings),…
Cruda, la cipolla viene usata nelle insalate, specie con il pomodoro o i fagioli, ed è molto usata soprattutto in estate.
È uno dei 3 odori principali, insieme a sedano e carota, usati per il brodo di verdure.

Curiosità

Tagliare le cipolle è un compito difficile: come evitare di piangere dopo pochi secondi? Usando un coltello affilatissimo, lavandole bene o mettendole in freezer 10-15 minuti prima di tagliarle.
Quasi tutti conserviamo insieme cipolle e patate. Sbagliatissimo: le cipolle assorbono l’umidità delle patate e vanno a male velocemente.
La cipolla può avere effetti deleteri sull’alito. Per prevenirlo ci sono diversi rimedi: un cucchiaino di senape, foglie di menta o prezzemolo, semi di caffè seguiti da un bicchiere di latte, chiodi di garofano, semi di anice e cardamomo.
Vi siete mai chiesti come mai i vecchi orologi da taschino sono detti “cipolle”? Il motivo pare sia legato al fatto che per proteggere questi orologi dagli urti si ideò una doppia chiusura esterna e interna che ricordava appunto i veli della cipolla.
A Urbania, si svolge ancora oggi un’antica tradizione che vede per protagoniste le cipolle. La notte del 24 di gennaio, conosciuta come la notte di san Paolo dei segni, 12 spicchi di cipolla bianca sui quali è stato cosparso del sale vengono messi fuori dalla finestra, rivolti verso oriente. All’alba del giorno dopo, scrutando le mutazioni del sale su ognuno degli spicchi, gli esperti di questa antica pratica dicono di poter leggere in anticipo sugli eventi il clima dell’intero anno.
Alla cipolla non possono certo mancare record mondiali. Peter Glazebrook, un pensionato inglese con l’hobby della coltivazione di megaortaggi che, dopo 25 anni di tentativi,  ha coltivato una cipolla di 8,136 kg con 76 cm di circonferenza e 60 cm di altezza! Mentre il record del mondo per aver mangiato una cipolla nel minor tempo possibile va invece a un giovane giapponese che è riuscito a mangiare una cipolla di 210 gr in 45 secondi.
Gli amanti della cipolla non potranno certo perdersi l’esperienza dello Zibelmärit, il caratteristico mercato interamente dedicato alla cipolla che si tiene a Berna, in Svizzera, ogni quarto lunedì di novembre.

Ricette

2 pensieri su “Cipolla – Allium sepa

I commenti sono chiusi.