Pull apart bread

Eccomi al primo dolce americano per la via dei sapori!!
Una ricetta che mi ha messo in testa il mio amico dell’università Giovanni, in vena di un dolce con la D maiuscola. Dopo qualche scambio su what’s app ecco che prendeva forma. Ed è bastata una veloce ricerca sul web per trovarne di tutti i tipi e dimensioni!
Ma la ricetta che ho messo qui è una mia personale rielaborazione che prevede l’uso della pasta madre!
Il dolce che ne è uscito è un qualcosa di così godurioso che risulta davvero pericoloso!
Il mio è il classico, alla cannella, ma se ne trovano di infinite varianti e modi di preparazione, molto simile infatti è la torta di rose, sempre americana, o il monkey bread, per lo stesso principio di sporzionamento “veloce”.
Certo, nessuno dice che è pericoloso! Si potrebbe andare a staccare un pezzetto ogni cinque minuti e neanche accorgersi che sta finendo.
Ovviamente non ha bisogno di coltello perché i pezzi sono già “porzionati” nella preparazione. Ma come vedete quello mio è letteralmente esploso dallo stampo per il semplice motivo che avevo rotto quello un po’ più grande nel tirarlo fuori. Però non pensavo crescesse così tanto!
L’interno, cioè fra una fetta e l’altra, rimane morbidissimo e pieno di burro e cannella! Anche i granelli di zucchero fanno la loro parte, e preparatevi a sentirvi pollicino perché non si può fare un passo con questo dolce in mano senza seminare qualche granello di qualche cosa!
Ma nonostante la dipendenza e le briciole in giro qui da noi è piaciuto un gran bel po’, anche troppo!

Pull apart bread

360gr di farina 00
2 uova
20 gr di pasta madre
80 ml di latte intero
60 ml di acqua
60 gr di burro
60+120 gr di zucchero
estratto di vaniglia
1/2 cucchiaino di sale
60 gr di burro
2 cucchiaini di cannella
2 gr di noce moscata

 

Sciogliere il lievito nell’acqua.
In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti secchi: la farina 00 e i 60 gr di zucchero semolato. Far sciogliere il burro con il latte e sbattere le uova.
Aggiungere il composto burro-latte, l’essenza di vaniglia e le uova al composto secco e mescolare per almeno dieci minuti, fin quando non ha una consistenza liscia e morbida.
Far lievitare fino al raddoppio in luogo tiepido ed asciutto.
Trascorso il tempo, riprendere l’impasto e stenderlo su di una spianatoia leggermente infarinata. Formare un rettangolo e preparare il ripieno facendo fondere il burro mentre in una ciotola mescolare lo zucchero alla cannella.
Ricoprire tutta la superficie del rettangolo prima con il burro fuso e poi con zucchero e cannella.
Tagliare delle strisce di dimensioni uguali, impilarle una sull’altra, tagliarle di nuovo ottenendo dei rettangolini.
Imburrare uno stampo e inserire i rettangoli uno accanto all’altro, poi far lievitare altri 30 minuti.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.

Pull apart bread

360gr of flour 00
2 eggs
20 gr of sourdough
80 ml of whole milk
60 ml of water
60 g butter
60 + 120 g sugar
vanilla extract
1/2 teaspoon salt
60 g butter
2 teaspoons cinnamon
2 grams of nutmeg
Dissolve the yeast in the water.
In a bowl mix all the dry ingredients: flour 00 and 60 grams of sugar. Melt the butter with the milk and beat eggs.
Add this mixture to the butter-milk, vanilla essence and eggs to the dry mixture and stir for at least ten minutes, until it has a smooth texture and soft.
Let rise until doubled in a warm place and dry.
After this time, take the dough and roll it out on a lightly floured pastry board. Form a rectangle and prepare the filling by melting the butter in a bowl and mix the sugar with cinnamon.
Cover the entire surface of the first rectangle with the melted butter and then with sugar and cinnamon.
Cut strips of the same size, stack them one on the other, cut again obtaining rectangles.
Grease a mold and insert the rectangles next to each other, then let rise another 30 minutes.
Bake in a preheated oven at 180 ° for about 30 minutes.

10 pensieri su “Pull apart bread

  1. serena ha detto:

    Che bontàààà!!! Arianna arrivo presto anch' io!! Ho già segnato alcune ricette che voglio provare e altre che ho fatto ma non ho nel blog!! Un abbraccio e una carezza ai piccini !

  2. conunpocodizucchero Elena ha detto:

    oh che bello quando vengo da te mi consolo sempre e mi dico che va beh dai non è che adesso posso andare avanti solo a carotine bollite! insomma i sensi di colpa avanzano sempre, ma cose mi fa a resistere a certe bontà divine tipo il tuo pull apart bread rivisitato?!?!?!?!

I commenti sono chiusi.