Le tarte e i dolci di “le loir dans la théière”

Eccoci di ritorno con la rubrica dei viaggi! stavolta vi porto in un posticino un po’ nascosto ma molto conosciuto!
L’idea di venire qui è stata una brillante decisione presa da un mio amico che ho ritrovato a Parigi. Dico ritrovato perchè dopo aver studiato insieme 5 anni all’università ci eravamo del tutto persi di vista e grazie a facebook qualche anno fa ci siamo rimessi in contatto e quando ho visto che si era trasferito a Parigi potevo non incontrarlo?! Certo che no! Quindi questo locale è stato il nostro appuntamento! Lui, che già conosceva mio marito dato che all’università ero già con lui, ha però conosciuto la mia bimba! E dopo qualche momento di imbarazzo di Cecilia, anche lei ha subito capito che l’amico di mamma era davvero simpatico. Qualche scatto di “selfie con bambina” che ci ha fatto morire a tutti mentre aspettavamo le ordinazioni e sembrava che il tempo fosse tornato indietro!
Ma a parte la compagnia perfetta, lui e il suo compagno non vedo l’ora di rivederli, magari qui a Milano, anche il locale era carinissimo! Una fila un po’ lunga dato che non accettano prenotazioni, e il fatto che eravamo in tanti non ci ha aiutato ad entrare velocemente ma poi… per pura fortuna abbiamo preso il tavolo più bello! Tondo, con tante poltroncine comode e vicino il murales che vedete poco sotto!
Poi sul tavolo c’erano dei cubetti marroncini e io, distratta forse dal caos del locale e dalla felicità del mio amico ritrovato, ho iniziato a darli a Cecilia. Al terzo chiedo cosa sono e… erano zollette di zucchero! Ho dopato mia figlia praticamente!
A parte questo ecco un bel giro turistico dentro “le loir dans la théière”. 

Il locale è più grande di quello che sembra da fuori, solo che dentro si sta molto attaccati, ci sono tantissimi tavoli e un gran via vai di gente.
Chiaramente ispirato ad “alice nel paese delle meraviglie”, dentro ci accoglie un murales che corre per tutta la parete di fondo. Accanto ad esso il menù, su lavagna!
Cosa potevo ordinare se non una “tarte salee champignon cheddar”! Buonissima! Valeva tutta l’attesa, il cameriere che ci guardava male e gli zuccherini sul tavolo!
Mio marito invece è andato su una “tarte salee potiron bleu d’auvergne”. Buonissima anche la sua ma io non l’ho assaggiata dato che gorgonzola e simili proprio non mi piacciono!
Il via vai della gente è giustificato da un enorme banco dei dolci! Da far venire il diabete solo a guardarlo! Ce ne è per tutti i tipi, nella foto non rende perchè dei dolci erano anche sollevati su alzatine ma con tutta la gente sono riuscita a fare solo questo scatto!

Questa si che è una meringa al limone!!! Ma dopo questa non ti alzi più da tavola!

C’erano anche degli abbinamenti meno conosciuti, come questa al mango!

Solo verso la fine del pranzo mi sono accorta di un buffo assortimento vintage proprio sopra il banco dei dolci… guarda un po’!

le loir dans la théière
3 Rue des Rosiers
75004 Paris

4 pensieri su “Le tarte e i dolci di “le loir dans la théière”

  1. elenuccia ha detto:

    Questo posticino deve essere proprio carino. Le torte slaate sembrano deliziosi ma i dolci….miseria. Ma sono tutti a buffet? perche' io non uscirei viva da un posto cosi' 🙂

    • arianna ha detto:

      Ah ah ah ^^ guarda, per fortuna sono un po' nascosti altrimenti la gente si butterebbe sul buffet dei dolci senza ordinare nient'altro!

I commenti sono chiusi.