La tortilla di Castiglia – Manuale di Nonna Papera

Siamo arrivati (quasi) a fine maggio e chiudo il mese con un’ultima ricetta per la via dei sapori
Questo mese la Spagna mi ha particolarmente ispirata!!
Un’altra delle pietanze che ho amato dei miei viaggi in Spagna è stata la tortilla e la sua capacità di trovarla ovunque!
Nei bar c’era ampia scelta dei bocadillos con la tortilla de patatas, la maggior parte delle tapas, antipasti diffusi in Spagna, aveva almeno tre piattoni di tortilla tagliate in rettangolini, e infine mi sono imbattuta in una “tortilla brava” che aveva una salsa piccante, la stessa delle patate bravas, piccante e a base di pomodoro e pimenton.
Quindi se penso alla Spagna in ordine -di miei gusti personali- mi vengono in mente: paella, churros e… tortilla!
E la tortilla alla fine altro non è che non una frittatona di patate. E come mi sono meravigliata di trovarne una versione anche nel manuale! A dire il vero ho mandato subito una foto a Serena per informarla della scoperta! Ma come potevo lasciarmi sfuggire questa occasione? E, dato che maggio era quasi finito, mi sono messa al volo a pelare le patate e il risultato lo vedete qui sotto!
Con la special guest di Nonna Papera in 20 minuti avevo la mia tortilla di patate! Soffice, morbida e spumosa. A dire il vero non ho proprio schiacciato tutte-tutte le patate un po’ perchè mi piace la consistenza della patata solida un po’ perchè nei miei ricordi le tortillas avevo i pezzi di patate, non il purè!
E’ stato amore a primo assaggio anche per Cecilia e le ho anche raccontato di come la mamma ne mangiava un bel po’ quando è andata in Spagna a trovare la zia con il pancione! 

La tortilla di Castiglia – Manuale di Nonna Papera

“Sapete com’è, ragazzi, quando si tortilla! Tortilla oggi, tortilla domani e ti ritrovi fra capo e collo una frittata come se niente fosse. Non così però dovette pensarla Isabella regina di Castiglia il giorno in cui, trovandosi fra le mani l’uovo di Colombo, anzichè farsi una frittata si fece una risata. Isabella però aveva anche il senso degli affari e così, soffocate le risa, prestò al Cristoforo genovese le famose caravelle affinchè gli scoprisse qualcosa… indifferentemente, le Indie o l’America. E poichè le caravelle da sole stentavano a navigare, fece uscire con atto magnanimo dalle carceri avventurieri, ladri e malandrini della peggior specie e li spedì, loro nolenti, a scoprire!”
5 uova
4 patate
2 cipolle
olio 
sale
pepe

Tagliare le patate (sbucciate!) a pezzettini e le cipolle  rotelline, e soffriggete il tutto in abbondandissimo olio. Mentre cuocciono, schiacciate bene con la forchetta patate e cipolle, in modo da ottenere una specie di purè. Sbattete in una fondina le uova con il sale (se non l’avete fatto, ricordatevi adesso di salare e pepare la verdura!), versate nella padella e fate dorare la frittata dalle due parti: dovrebbe essere alta circa due dita. Per ottenere una cottura perfetta, usate una padella di ferro e voltate la tortilla usando un piatto unto.
Ps: ehi, ppt, ragazzi! Vi chiedessero a bruciapelo quale delle tre caravelle era l’ammiraglia di Colombo, sapreste rispondere? Sì? non importa, ve ne diciamo lo stesso il nome: Santa Maria.

The tortilla of Castile – Manual Grandma Duck

“Queen Isabella of Castile to the day when, lying in his hands the egg of Columbus, rather than make an omelet she laughed. Isabella, however, also had the business acumen and lent it to Christopher caravels for the discovered something. and … as the caravels themselves found it hard to navigate, he released from prison adventurers, thieves and robbers and sent them, them not, to find out! “
5 eggs
4 potatoes
2 onions
oil
salt
pepper

Cut the potatoes into small pieces and onions too, and fry everything in olive oil. While cooking, mashed well with a fork potatoes and onions, so you get a kind of mashed potatoes. Beat the eggs in a bowl with the salt, pour in the pan and brown the frittata by both parties: it should be about two fingers high. To get a perfect cooking, use an iron skillet and turn the tortilla using a plate greased.
Ps: hey , ppt , guys! You were asked which of the three ships was the flagship of Columbus, can you answer ? Yes? does not matter, let’s say there the same name: Santa Maria.

10 pensieri su “La tortilla di Castiglia – Manuale di Nonna Papera

  1. serena ha detto:

    ciao arianna, sai che questa è stata la prima ricetta spagnola realizzata a 4 mani con un amico spagnolo?! Chissà però dove ho messo la ricetta ahhahah all'epoca mica le scrivevo! La proverò senza dubbio, nonostante il mese spagnolo sia quasi terminato ho ancora voglia di provare qualche ricettina!!

  2. paola ha detto:

    ho aggiunto il link alla pagina dei contest per mercoledì con un nuovo appuntamento a presto,interessante il manuale di nonna papera,che non riesco a trovare

I commenti sono chiusi.