I capelli d’angelo… della nonna!

Il primo piatto salato che vi propongo è un classico a casa nostra. Di solito è mia nonna l’addetta a questo piatto ed è lei infatti che ho sentito per la perfetta esecuzione. Lo ammetto, mi sono anche presa un’imbeccata “è un piatto che si mangia a Natale!” Punto. Niente eccezioni. Natale e basta. Ma si sa come sono le nonne per le nipoti, no? Specie se la nipote ha tirato in mezzo la pronipote, la prima fra l’altro, solo per ottenere la ricetta. Ma si sa, il fine giustifica i mezzi. 
Mezzi a parte questa pasta la adoro. Ma davvero, ero felicissima che arrivasse il giorno del natale solo per lei (e la stracciatella, ma questa sarà un’altra storia). Certo, il nome mi ha sempre intimorito. Capelli d’angelo. Io che schifo i capelli per terra o sul cuscino o sui vestiti da sempre ho faticato non poco ad associare i capelli d’angelo ad una cosa che adoravo. I capelli d’angelo. Ma come gli sarà venuto in mente di chiamarli così? 
Fra l’altro l’albero di natale che facevo con i miei genitori aveva anch’esso i suoi “capelli d’angelo” argentati, lisci e che si staccavano solo a guardarli. E ogni anno, puntuale, mio padre mi metteva in testa a tradimento questa chioma lucente mentre si tiravano fuori le palline. Io li odiavo per i motivi di cui sopra. Quindi immaginate quanto mi piacesse averli in testa! 
Per fortuna questa fobia sui capelli d’angelo è durata poco, fino alle elementari più o meno. Ora se sono capelli finti non mi importa, addirittura l’anno scorso li ho messi in testa di mia spontanea volontà per far ridere Cecilia! 
Cosa c’entra tutto questo con il piatto? Ah bo, deliri della mente! Vi lascio alla ricetta che è meglio.

Capelli d’angelo in brodo

125 gr di pasta capelli d’angelo
un litro di acqua
sedano
1 cipolla
1 pezzetto di burro
3 carote
2 patate
erba cipollina
carne da brodo
sale
pepe

Pulite le verdure, lavatele e tagliatele a pezzetti. Fatele saltare un momento sul fondo della pentola, dove avrete messo a scaldare olio e burro. Aggiungete l’acqua, salate e portate a ebollizione; quindi abbassate il gas e fate cuocere per un’ora. Dieci minuti prima di servire aggiungete la pasta e il pepe.

Capelli d’angelo Soup

125 grams of capelli d’angelo pasta
1 l of water
celery
1 onion
3 tablespoons olive oil
1 pat of butter
3 carrots
2 potatoes
chive
meat from broth
salt
pepper

Clean the vegetables, wash and cut into small pieces. Sauté for a moment at the bottom of the pot, where you will have to put heat oil and butter. Add water, salt and bring to a boil, then turn down the gas and cook for one hour. Ten minutes before serving, add the pasta and pepper.

2 pensieri su “I capelli d’angelo… della nonna!

I commenti sono chiusi.