Il ciambellone di Achille – il manuale di Nonna Papera

Proprio ieri sera stavo sfogliando il manuale pensando a quale altra ricetta fare e poi, come un fulmine a ciel sereno, mi ha colpito il fatto che non avevo ancora messe (o meglio, ri-messe) le mani in pasta su quella che è la pagina più consumata del manuale: pagina 44!
Sapete di cosa sto parlando vero? Alzi la mano chi non ha mai fatto il ciambellone di Achille di Nonna Papera!!! La ricetta è forse la più famosa di questo ricettario! Da piccola la realizzavamo con l’aggiunta di un bicchiere di latte su consiglio di mia mamma che diceva la rendeva più soffice.
Invece stavolta l’ho voluta fare “da manuale” e devo dire che è buona lo stesso! Anche le mandorle ho messo, che a casa mancavano sempre. 
Cosa aggiungere a un dolce che conoscono tutti quelli che usavano il manuale? Solo che questo è il classico dolce da fare quando si ha poco tempo, si fa in pochissimo e si cuoce in poco!

Il ciambellone di Achille – il manuale di Nonna Papera

Veramente di quel caratterino d’un Achille è più noto il tallone. Ma di proposito, desideriamo mettere in rilievo il ciambellone: per amore della rima e della ricetta. Se non sapete la storia del tallone, ve la diciamo noi in quattro parole: Achille, figlio di Teti, era stato immerso nella acque dello Stige affinchè diventasse invulnerabile. Mamma Teti, che la sapeva lunga in fatto d’immortalità essendo una dea, immergendo il neonato Achille nel fiume lo tenne per un tallone… e per quel tallone vulnerabile l’invulnerabile Achille ci lasciò la pellaccia. Viva Ettore!

300 gr di farina per dolci e sfoglie molini rosignoli
200 gr di zucchero
100 gr di burro
1 bustina di lievito
1 limone
2 uova
un pizzico di sale
qualche cucchiaio di latte

Disponete a fontana sulla spianatoia (o in alternativa in una grande zuppiera) farina, zucchero, sale, lievito e la buccia grattugiata d’un limone. Il tutto mescolato e setacciato. Aggiungete le uova ed il burro ammorbidito. Impastate. Se vedete che l’impasto risulta troppo duro, ammorbiditelo con poco latte. Ungete di burro uno stampo per ciambelle (cioè col buco in mezzo) sistemate bene la pasta e mettete a cuocere in forno già caldo per 40 minuti circa. Se li avete sottomano, sistemate sopra la ciambella qualche filetto di mandorla, qualche ciliegia candita o qualche pezzetto di cedro.

The cake of Achilles – the manual of Grandma Duck

Achilles heel is known for . If you do not know the history of the heel , I will tell you: Achilles, son of Thetis , was immersed in the waters of the Styx for you to become invulnerable. Mom Thetis dipping the infant Achilles in the river held him for a heel … and for that vulnerable Achilles heel we left the skin. Viva Hector!

300 grams of white flour
200 grams of sugar
100 grams of butter
1 packet of yeast
1 lemon
2 eggs
a pinch of salt
a few tablespoons of milk

Place the flour on a work surface (or alternatively in a large bowl ) along with sugar, salt, baking powder and grated rind of a lemon. Add eggs and softened butter. Knead . If you see that the dough is too hard, wipe off with a little milk . Grease with butter a mold placed the dough and put to cook in preheated oven for about 40 minutes. If you have them at hand, place on top of the cake a few threads of almond, some candied cherry or a few pieces of cedar.

8 pensieri su “Il ciambellone di Achille – il manuale di Nonna Papera

  1. veronica ha detto:

    Me ne vergogno ma non lo conoscevo se no me ne sarei fatta una scorpacciata di questo meraviglioso ciambellone. Complimenti anche per la forma, un abbraccio e buon w.e.

  2. (ildeborino) Busy Bee ha detto:

    Alzo la mano e chino la testa, io che ho centinaia di libri di cucina il manuale di nonna Papera non ce l'ho! Che vergogna! Ma visto che mio marito mi regala libri di cucina ogni Natale potrei metterlo nella lista dei desideri… ^_^
    Bello, e sicuramente buono, questo ciambellone! Manuale o non manuale proverò a farlo. 🙂
    A presto.

I commenti sono chiusi.