Crema uh-uh mongola – manuale di Nonna Papera

Che bella, bellissima serata ieri! La festa è stata un vero successo, noi ci siamo divertiti ad allestire la sala con pipistrelli, gatti neri, streghe e fiori di carta crespa, e poi tutti travestiti eravamo pronti ad accogliere gli ospiti! Cecilia era una grifondoro, io il suo gatto nero e mio marito? Bè, lui deve sempre esagerare e si è vestito da Dio. 
Abbiamo banchettato, abbiamo ballato, abbiamo festeggiato questa notte delle streghe non facendoci mancare nulla, nemmeno i favors per gli ospiti. 
E dopo i bagordi di ieri, oggi lasciamo in pace i dolcetti e pensiamo a un piatto un po’ più sano.
Eh si perché a forza di fare “dolcetto o scherzetto” ci siamo riempiti la pancia di zuccheri! E’ stato bello e ci siamo proprio divertiti (poi vi metto foto e ricette!) ma stamattina alla vista dei dolci il mio stomaco si è ribellato! Quindi? Quindi Nonna Papera ci viene in aiuto con un piatto bello, sano e saporito.
Ed è un minestrone quello che vi propongo oggi, il suo minestrone, che forse con questo freddo che è arrivato, rimane il piatto perfetto per scaldarsi un po’! 

Crema uh-uh mongola – Manuale di Nonna Papera

Fu verso il 221 a.C. che il principe cinese Tsin, dopo aver assoggettato alcuni regni cinesi in lotta tra loro e aver costruito un impero, fece costruire la Grande Muraglia per difendere il paese dalle invasioni dei mongoli. Voi direte: va bene, ma la crema mongola?. Calma: quando  i Mongoli si rovesciarono in Europa sotto forma di Unni, fu il principio della… fine. Perché quella che per loro era una crema “uh-uh che buona” per noi fu… il minestrone di verdura. Il minestrone è un po’ una… zuppa (!) che non a tutti i ragazzi piace: l’unico sistema per “evitarlo” (solo per questa volta però) è quello di prepararlo. Con la scusa infatti che il lavoro vi ha tolto l’appetito (ehm), potrete svincolare e passare direttamente al secondo.
Ps: precisazione storica. La grande Muraglia era alta circa 10 metri, spessa 6, con torri alte 14 metri, lunga circa 6000 km, con la base di pietra e la parte superiore di mattoni.

un litro di acqua
100 gr di fagioli sgranati
poco sedano con due foglie del medesimo
1 cipollina
3 cucchiai di olio
1 pezzetto di burro
3 pomodori maturi
100 gr di piselli sgusciati
2 patate
2 foglioline di basilico
un ciuffetto di prezzemolo
un dado 
sale
100 gr di pasta o riso
Pulite le verdure, lavatele e tagliatele a pezzetti. Fatele saltare un momento sul fondo della pentola, dove avrete messo a scaldare olio e burro. Aggiungete l’acqua, salate, mettete il dado e portate a ebollizione; quindi abbassate il gas e fate cuocere per 2 ore. Venti minuti prima di servire (agli altri), aggiungete il riso o la pasta.

Mongolian uh-uh cream – Manual Grandma Duck

It was toward the 221 BC that the prince Chinese Tsin, after having built an empire, built the Great Wall to defend the country from invasion of the Mongols. But the cream Mongolian? Calm: when the Mongols arrived in Europe in the form of Huns, what for them was a cream “uh-uh good” for us was … the vegetable soup. The soup is a soup that not all guys like: the only way to avoid it (just this once) is to prepare it. Under the guise fact that the work took away the appetite, you can go directly to the second.
Ps: historical note. The Great Wall was about 10 meters high, with towers 14 meters high, about 6000 km long, with a stone base and the top of bricks.

water
3 oz of beans
celery
1 small onion
3 tablespoons olive oil
butter
3 tomatoes
3 oz of peas
2 potatoes
basil
parsley
salt
3 oz of pasta or rice

Clean the vegetables, wash and cut into small pieces. Put them in a pot where you put oil and butter. Add water, salt and cook for 2 hours. Twenty minutes before serving, add the rice or pasta.