La focaccia del paleolitico – manuale di nonna papera

E dopo lo spavento che mi ha fatto prendere la pupa, non volendo più pensare a quelli futuri ieri ho passato la giornata a cercare di non far giocare (troppo) Cecilia con il suo miglioletto ferito. Alla fine l’unica cosa che poteva distrarla era una storia e allora ho preso il manuale di Nonna Papera e ho iniziato a leggere le storie che accompagnano le ricette.
E arrivata agli Unni è crollata addormentata con un bel sorriso sulle labbra e sono certa abbia sognato paperi e magari anche papaveri data la canzoncina con cui accompagnavo il tutto! 
Per certo posso dirvi che si è svegliata pensando di stare in una fattoria ben nota a tutti noi dato il profumo che ha sprigionato la focaccia appena uscita dal forno!
La piccola ha fatto merenda con Nonna Papera quindi e, come promesso qui e anticipato di qua (manca solo Quo!) inizio un viaggio con il manuale in una mano e Cecilia nell’altra. Cosa posso aggiungere di altro? 
A voi il mestolo amici: leggete e cucinate!

La focaccia del paleolitico

Dati i tempi duri poichè siamo nell’età della pietra e la ruota è ben lontana dal girare non essendo stata ancora inventata, la focaccia ebbe al suo nascere forma “quadrata”. Perciò, se volete restare al passo coi sassi di allora, munitevi di uno stampo “quadrato” e procedete.

200 gr di miele
40 gr di burro
1 limone
8 cucchiai di latte
1 uovo
1 pizzico di sale
1 pizzico di bicarbonato

Sciogliere a fiamma molto bassa il burro con il latte. Appena il composto sarà molto caldo, aggiungetevi il miele e mescolate per qualche minuto. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare. Intanto, in una zuppiera mescolate pian piano, in modo che si amalgamino senza grumi, la farina, il sale, il bicarbonato, la scorza grattugiata e l’uovo. Aggiungete il succo di mezzo limone; poi, poco alla volta, il composto di latte-miele-burro raffreddato. Imburrate lo stampo e versatevi l’impasto. Fate cuocere in forno ben caldo per tre quarti d’ora. 

Ps: io ho cotto a 180°C

Paleolithic focaccia – Grandma Duck


In view of the hard times because we are in the Stone Age and the wheel isn’t been invented yet, the focaccia was at its birth as “square”. So if you want to keep up with the stones of the time, equip yourself with a mold “square” and carry on.
7 oz of flour 00
7 oz of honey
3 tbsp of butter
1 lemon
8 tbsp milk
1 egg
1 pinch of salt
1 pinch of baking soda
Melt the butter with the milk over very low heat. As soon as the mixture is very hot, add the honey and mix for a few minutes. Remove from heat and let cool. Meanwhile, in a bowl mix slowly flour, salt, baking soda, grated rind and egg. Add the juice of lemon, and then, little by little, the mixture of milk-honey-butter. 
Bake in a hot oven for 45 minutes.
Ps: cooked at 350 ° F

8 pensieri su “La focaccia del paleolitico – manuale di nonna papera

  1. Betulla ha detto:

    Lo so che è un po' impopolare dirlo, ma con il manuale di nonna papera ho avuto una delle più cocenti delusioni della mia vita ai fornelli (ingigantita dal fatto che avevo 8 anni e che a quell'età il concetto di esperimento in cucina è un po'troppo difficile)! Morale: conosco a memoria ogni ricetta, o meglio ogni storia che precede la ricetta, per averlo sfogliato milioni di volte…Ma non l'ho mai più preso in mano come ricettario!!! Prima o poi affronterò la mia delusione e rifarò quelle benedette meringhe veneziane!
    Intanto, cara Arrianna, fai benissimo a fare crescere la piccola con questi bei racconti (e deliziosi manicaretti): hai un po' di anni per trovare una ricetta facile facile, (testata e dal risultato sicuro)da consigliarle quando vorrà mettersi lei all'opera!
    un abbraccio

I commenti sono chiusi.