Architect of taste

Iniziamo la settimana e il mese con una grande novità: cari lettori e viandanti della rete vi presento il mio nuovo blog: “Architect of taste”.
Se volete sapere il perchè del cambio nome, del cambio stile, delle promesse che mi sono fatta e della lista di cose da fare, ma soprattutto se avete cinque minuti da dedicarmi, vi servo il tutto accompagnato da caffè e biscotti.

Ma veniamo con ordine: è tempo di cambiamenti, tempo di cambiar casa e di cambiare zona, come già sapete, quindi tempo di mettere in ordine sia gli oggetti fisici sia i mille pensieri che mi frullano in mente. Insomma, tempo di aprire un cassetto dei sogni e vedere se ha anche un doppio fondo!

Allora, iniziamo dal nome. La scelta di cambiarlo è stata presa con il semplice fatto che esisteva già un dominio con quel nome, e quindi tanto valeva fare un cambiamento radicale a partire dalle basi. D’altronde quando ho aperto il blog, poco prima di sposarmi, avevo scelto “recipes hunter” per poterlo collegare al mio blog di moda “new look hunter“, e per la fretta lo avevo anche salvato con “ricette hunter”. Poi, dopo la nascita di Cecilia, ho abbandonato quello della moda mentre questo cresceva. E più passava il tempo più mi sono accorta che avrei voluto un nome che parlasse un po’ più di me.
A darmi il suggerimento più grande è stata la mia mamma, che si è ancora una volta distinta per la scelta del nome (io mio, ovviamente, l’ha scelto lei).

Poi è venuto il tempo delle promesse. Per me e per voi.
Le mie ve le svelerò di volta in volta, ho aperto quel cassetto che mi ha riportato alla mente tante cose che devo ancora finire di sistemare, un piccolo progetto però, potete già notarlo qui.
Le promesse per voi altro non sono che piccoli progetti, utili o no, che mi fa piacere condividere e sono tutti qui, fra queste pagine: c’è la spesa stagionale, qualche pdf stampabile, una galleria di strumenti utile e frivoli, e in programma ci sono altre cose, sempre piccole, ma tutte per voi.

Per il resto non ci sono altre novità, dietro ci sono sempre io, c’è Cecilia con le sue manine dappertutto, c’è mio marito che è meglio non guardare quando cucina, c’è sempre il menù per i grandi e quello per piccoli e piccolissimi.
E se il cuore è rimasto quello, in fin dei conti è come se non fosse cambiato nulla, giusto?

10 pensieri su “Architect of taste

  1. serena ha detto:

    Non mi dispiaceva affatto la vecchia pagina ma un dominio ti consente di gestire il tuo spazio al meglio. Mi piace anche il progetto delle ricette di nonna papera e il tuo progetto più grande di coinvolgere tua figlia che, sì, prestissimo inizierà a voler aiutare mamma ai fornelli.Quindi un mega in bocca al lupo per la tua nuova casetta virtuale!!!baci baci

  2. Betulla ha detto:

    Ma che meraviglia!!!bellissimo, chiaro e professionale!!!e poi tutti questi progetti sono affascinanti!!
    in bocca al lupo per questa nuova avventura (io ti seguo comunque!)!
    un abbraccio
    Betulla

  3. Mamilu ha detto:

    Complimenti Arianna x la nuova svolta mi piace molto, poi sono sempre alla ricerca di piatti accattivanti x i piccoli :)! Ciao luisa

I commenti sono chiusi.